Le raccomandazioni ESPEN per la nutrizione dei pazienti con infezione da Covid-19

Fonte: Barazzoni R et al. Clin Nutr. 2020, 31 marzo.

L’autorevole European Society for Clinical Nutrition and Metabolism ha pubblicato una serie di raccomandazioni per migliorare lo stato nutrizionale dei pazienti colpiti da Covid-19, con l’obiettivo di fornire indicazioni sintetiche e utili per ridurre il rischio di malnutrizione associato all’infezione da Covid-19.

La pandemia da Covid-19 sta rappresentando una sfida senza precedenti per i pazienti e per i sistemi sanitari di tutto il mondo. Le complicanze respiratorie acute dell’infezione richiedono il trattamento nelle unità di terapia intensiva e rappresentano la principale causa di morte associata al virus. I pazienti con esiti clinici peggiori sono in genere quelli anziani, ricoverati in terapia intensiva e con altre malattie concomitanti. In questo gruppo di pazienti la presenza di malnutrizione è un evento comune e rappresenta di per sé un importante fattore di rischio di morte e di malattia. Inoltre, il prolungato ricovero in terapia intensiva può causare malnutrizione o aggravare quella già presente, causando perdita di massa e di funzionalità muscolare, che a loro volta possono provocare disabilità, riduzione della qualità di vita e altre malattie. Secondo l’European Society for Clinical Nutrition and Metabolism (ESPEN) prevenzione, diagnosi e gestione della malnutrizione dovrebbero essere incluse nei protocolli di gestione dei pazienti con Covid-19. Per facilitare questo processo, l’ESPEN ha redatto un documento che contiene 10 raccomandazioni pratiche rivolte agli operatori sanitari, finalizzate a fornire indicazioni sintetiche e utili per ridurre il rischio di malnutrizione associato all’infezione da Covid-19.