Meno dolore in caso di frattura grazie a L. casei Shirota

Fonte: Lei M, et al. Asia Pac J Clin Nutr 2018;27(6):1252-7.

L’assunzione regolare di latte fermentato con L. casei Shirota riduce il dolore associato alla frattura costale, con un meccanismo ancora da chiarire.

È stato dimostrato come l’assunzione regolare di latte fermentato con il probiotico L. casei Shirota (LcS) possa esercitare diversi effetti benefici sull’apparato scheletrico. In particolare, LcS ha mostrato la capacità di rendere più rapida la guarigione delle fratture e di ridurre il livello di infiammazione in caso di osteoartrosi. Viste queste premesse, un gruppo di ricercatori ha deciso di valutare l’efficacia di questo probiotico sul dolore provocato da una frattura ossea. Per farlo ha diviso in due gruppi 283 pazienti con frattura di una costola: il primo ha ricevuto quotidianamente per un mese latte fermentato con LcS; il secondo gruppo ha ricevuto placebo per lo stesso periodo di tempo. Nel corso dello studio i ricercatori hanno misurato periodicamente l’intensità del dolore costale dei pazienti durante specifiche attività capaci di scatenarlo, come la respirazione profonda, la tosse e alcuni tipi di movimento. Dalla ricerca è emersa con chiarezza la capacità di LcS di alleviare in modo statisticamente significativo il dolore manifestato dai pazienti con frattura costale, migliorando al contempo la loro capacità inalatoria. Secondo gli autori dello studio il probiotico LcS potrebbe ricoprire un ruolo promettente nella modulazione del dolore, tuttavia, sono necessari ulteriori studi per comprendere il suo meccanismo d’azione.